LA CASE BOOKS, UN ANTIDOTO ALLA CRISI EDITORIALE

LA CASE BOOKS, Editoria Digitale, costola italiana dell’azienda americana, diretta da Giacomo Brumoro, è una conferma di come, ha detto il suo direttore proprio oggi, l’e-coammerce provi a combattere la crisi. A fronte dell’uso ancora ridotto dell’e-book in Italia, nemmeno in quell’ambito scolastico per cui il ministro Profumo del governo Monti aveva firmato un accordo con le case produttrici di testi scolastici, LA CASE ha fatto delle scelte coraggiose e particolari, dando un certo indirizzo alle stesse. L’orientamento principale vede la prevalenza di testi inediti di storia all’interno della collana “I signori della guerra” (l’ultimo libro uscito è “Josef Mengele, l’angelo della morte di Auschwitz” ma si possono trovare anche libri su Spartaco o Napoleone) e di ricerca su misteri italiani o serial killer. E’ di questi giorni un libro su Jack lo squartatore che ne ridimensiona la portata sociologica, individuandoci il primo dei serial killer. Seguono testi di religione e mistery scientifici. La portata di questi titoli è che si pongono sul mercato in modo alternativo ma con titoli accattivanti, effettivamente alternativi a tanta letteratura di genere, anche storica, che si è vista negli ultimi anni e con uno sguardo attento a una certa categoria di lettori che va assolutamente premiato.

187.la-case_logo_100